L’ambasciatore della Corea del Nord a Roma scomparso da Novembre

L’ambasciatore della Corea del Nord in Italia è scomparso da due mesi e ci sono rapporti secondo cui potrebbe essere sotto la protezione di un paese occidentale.

Jo Song-gil, 48 anni, diplomatico di carriera che parla correntemente italiano, francese e inglese, ha presentato le sue credenziali diplomatiche al governo italiano nel maggio 2015. Nell’ottobre 2017 è diventato ambasciatore del suo paese dopo l’espulsione delle autorità italiane Ambasciatore Mun Jong-nam dal paese. L’espulsione avvenne in risposta al test nucleare della Corea del Nord di quell’anno, quando Pyongyang annunciò la detonazione di una bomba all’idrogeno che poteva essere caricata su un missile balistico intercontinentale.

Si crede che Jo provenga da una famiglia di alto livello di funzionari e diplomatici con una lunga storia nel Partito dei lavoratori della Corea al potere. Suo padre è un diplomatico in pensione e il padre di sua moglie, Lee Do-seop, ha trascorso molti anni come inviato di Pyongyang a Hong Kong e in Thailandia. Si crede che a Jo sia stato concesso di portare con sé moglie e figli a Roma, un privilegio che viene conferito solo al più fedele funzionario del governo nordcoreano.

Fonti del governo italiano sono state citate dai media britannici giovedì annunciando che in ottobre Pyongyang aveva informato il ministero degli Affari esteri italiano che Jo sarebbe stato sostituito a dicembre. Giovedì, tuttavia, Kim Min-ki, un parlamentare sudcoreano, ha detto ai giornalisti a Seoul che Jo era scomparso da novembre. Kim ha aggiunto che lui e un gruppo di altri parlamentari erano stati informati sulla questione da funzionari del National Intelligence Service, la principale agenzia di intelligence esterna della Corea del Sud. Continuò dicendo che si credeva che la moglie e i figli di Jo fossero svaniti con lui e che le autorità della Corea del Sud non avevano preso contatto con loro dalla loro scomparsa.

Nel frattempo, la stampa sudcoreana ha dichiarato giovedì che Jo e la sua famiglia “erano in un posto sicuro” sotto la protezione del governo italiano, mentre hanno negoziato la loro defezione. Ma i funzionari italiani hanno detto alla BBC che il Ministero degli Affari Esteri non aveva “alcuna registrazione di una richiesta di asilo presentata da Jo” o da altri membri della sua famiglia. Citando una “fonte diplomatica” anonima, JoongAng Ilbo, di Seoul, ha affermato che l’ex ambasciatore e sua moglie stavano negoziando la loro defezione verso un paese occidentale, insieme a un’offerta di asilo politico. Il giornale non nominò il paese, ma disse che la famiglia scomparsa non intendeva rimanere in Italia.

Il sito IntelNews ricorda che l’ultima defezione di un alto diplomatico nordcoreano è avvenuta nell’agosto 2016, quando Thae Yong-ho, secondo in comando presso l’ambasciata nordcoreana a Londra, ha lasciato la Corea del Sud con la sua famiglia.

Source here.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...