CIA: la Cina sta conducendo una “tranquilla guerra fredda” contro gli Stati Uniti

ASPEN, Colo. (AP) – La Cina sta conducendo una “tranquilla guerra fredda” contro gli Stati Uniti, usando tutte le sue risorse per cercare di sostituire l’America come potenza dominante nel mondo, ha dichierato venerdì un esperto della CIA in Asia.

Pechino non vuole andare in guerra, ha detto, ma l’attuale governo comunista, sotto il presidente Xi Jingping, sta operando sottilmente su più fronti per minare gli Stati Uniti in modi diversi rispetto alle attività più pubblicizzate della Russia.

“Direi che ciò che i cinesi stanno combattendo contro di noi è fondamentalmente una guerra fredda – una guerra fredda che non è come abbiamo visto durante la Guerra Fredda (tra Stati Uniti e Unione Sovietica) ma una guerra fredda per definizione”, Michael Collins, vice direttore aggiunto del centro di missione Asia orientale della CIA, ha dichiarato all’Aspen Security Forum in Colorado.

chinese-military-1-large-e1515119232522

L’aumento della tensione tra Stati Uniti e Cina va oltre la disputa commerciale che si svolge in un accordo tariffario tra le due nazioni.

C’è preoccupazione per gli invasivi sforzi della Cina di sottrarre segreti commerciali e dettagli sulla ricerca high-tech condotta negli Stati Uniti. L’esercito cinese si sta espandendo e si sta modernizzando e gli Stati Uniti, così come altre nazioni, si sono lamentati della costruzione di avamposti militari nelle isole nel Mar Cinese Meridionale.

“Direi che è la Crimea dell’Est“, ha detto Collins, riferendosi alla sfacciata annessione della Russia della penisola di Crimea in Ucraina, che è stata condannata da tutto l’Occidente.

I commenti di Collins evidenziano avvertimenti sulla crescente influenza della Cina emessa da altri che hanno parlato questa settimana alla conferenza sulla sicurezza. I segnali d’allarme arrivano in un momento in cui Washington avrebbe bisogno dell’aiuto della Cina per porre fine al suo stallo nucleare con la Corea del Nord.

Mercoledì, il direttore dell’FBI Christopher Wray ha detto che la Cina, dal punto di vista del controspionaggio, rappresenta la minaccia più ampia e significativa che l’America deve affrontare. Ha detto che l’FBI ha indagini di spionaggio economico in tutti e 50 gli stati che possono essere ricondotti alla Cina, una dimensione impressionante d’attacco su larga scala.

rtr4dtfj

“Il volume di quest’attacco, la pervasività dei metodi utilizzati, la capacità di occultare le attività nonchè di penetrazione del tessuto economico, collusione con le criminalità locali, sfruttamento del lavoro nero, riciclaggio etc. vanno contestualizzati.

Il significato di questo fenomeno mastodontico è qualcosa che questo paese non possa sottovalutare “, ha detto Wray.

Anche il direttore dell’intelligence nazionale Dan Coats ha avvertito della crescente aggressione cinese. In particolare, ha affermato, gli Stati Uniti devono resistere con forza alle attività della Cina per sottrarre segreti commerciali e ricerca accademica.

Susan Thornton, assistente segretario di Stato per gli affari dell’Asia orientale e del Pacifico, ha affermato che aumentare la consapevolezza del pubblico sulle attività di centinaia di migliaia di studenti o gruppi cinesi nelle università degli Stati Uniti potrebbe essere un modo per aiutare a mitigare i potenziali danni.

La Cina non è solo una nota a margine di ciò con cui abbiamo a che fare con la Russia”, ha detto Thornton.

Marcel Lettre, ex sottosegretario alla Difesa per l’intelligence, ha detto che la Cina ha il secondo più grande bilancio di difesa del mondo, il più grande esercito di forze di terra, la terza più grande forza aerea e una flotta di 300 navi e più di 60 sottomarini.

“Tutto questo è in fase di modernizzazione e aggiornamento”, ha detto Lettre, che condivide le preoccupazioni di Collins e Thornton.

ecd0cd810ce4ed11520f6a70670092cd_c0-167-4884-3014_s885x516La Cina sta anche perseguendo progressi nel campo della cyber, dell’intelligenza artificiale, dell’ingegneria e della tecnologia, del controspaziale, delle capacità anti-satellite e delle armi di scorrimento ipersonico.

Il generale dell’esercito Robert Ashley, capo della Defense Intelligence Agency, ha detto all’inizio di quest’anno ad un comitato del Congresso che la Cina sta sviluppando missili da crociera a lungo raggio, alcuni in grado di raggiungere velocità supersoniche.

“Il Pentagono ha notato che i cinesi hanno già seguito un programma di test che ha avuto 20 test in più rispetto agli Stati Uniti“, ha detto Lettre.

Franklin Miller, ex alto dirigente per la politica di difesa e controllo degli armamenti presso il Consiglio di sicurezza nazionale, ha detto che gli sviluppi delle armi in Cina stanno sottolineando la necessità di avere un dialogo con Pechino.

“Dobbiamo cercare di coinvolgere”, ha detto Miller. “Le mie aspettative per un accordo di successo sono medio-basse, ma questo non significa che non dovremmo provare.”

Source here.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...