Hillary Clinton continua a mostrare mancanza d’interesse per l’insabbiamento sulla morte del suo collaboratore Vince Foster’s.

Da quando i Clinton lasciarono l’ufficio quasi 15 anni fa, c’è stato poco interesse nel caso di Vince Foster, ma la giuria di Whitewater ha dato ascolto a Patrick Knowlton. La ricerca contemporanea esperita presso gli Archivi nazionali, evidenzia nuovi elementi che sembrano tutti convergere sulla logica del depistaggio da parte dell’FBI.

I documenti interni dell’ufficio del consulente indipendente Kenneth Starr confermano che agenti dell’FBI e altri hanno manipolato l’inchiesta sulla morte di Vince Foster.

I media che avevano seguito con attenzione il caso, avevano già ventilato sosptti in tal senso in relazione alle indagini su Foster negli anni ’90: Reed Irvine sospettava che gli investigatori non avessero prove che l’auto di Foster fosse a Fort Marcy Park quando era già morto.

Mentre Hillary Clinton si muove in direzione per assicurarsi importanti obiettivi politici, i suoi critici e sostenitori potrebbero chiedersi perché non abbia un evidente interesse per scoprire il reale assassinio del suo caro amico e confidente. Molto strano.

Il giorno dopo la morte di Foster, Hillary pranzò a casa di sua madre in Arkansas con James Rutherford III, un amico e socio di Foster e dei Clinton e decano della Clinton School in Arkansas, e disse all’FBI: Hillary Clinton era in completo shock e incredulità al pensiero di Foster suicida”. Dunque, cosa potrebbe allora averle fatto cambiare idea?

foster-clinton

Il ventinovenne Brett Kavanaugh ha sostituito Miguel Rodriguez quando si è dimesso dall’Ufficio dei consulenti legali di Kenneth Starr. Il consigliere indipendente Rodriguez, un pubblico ministero esperto, ha dichiarato che “stava segnando punti importanti” Ken Starr indagando sulla morte di Vince Foster, vice consigliere del presidente Bill Clinton alla Casa Bianca.

L’assistente di Rodriguez, Lucia Rambusch, pensava che “avrebbero ricevuto pacche sulle spalle” per aver scoperto che Foster era stato assassinato. Invece, secondo le note del vice-consulente indipendente Hickman Ewing, Rodriguez ha detto che il vice-consigliere indipendente Mark Tuohey “ha cancellato tutto ciò che stava facendo” e “ha minato ogni cosa che [lui] aveva fatto”.

Kavanaugh si è schierato con il democratico Tuohey in opposizione agli sforzi di Rodriguez per scoprire la verità. Per quello che vale, Tuohey è sposato con Marty Daley, la sorella dell’ex capo di stato maggiore di Barack Obama, Bill Daley, e l’ex sindaco democratico di Chicago, Richard Daley.

Il loro padre era il potente sindaco di Chicago, Richard J. Daley. Kavanaugh era dunque disposto a fare ciò che Tuohey avesse desiderato al fine di ottenere il risultato desiderato e sperato. Rodriguez ha dichiarato a Reed Irvine, ex defunto presidente e fondatore di Accuracy in Media, che “i giovani aspiranti, con i quali lavoravo di nuovo in quell’ufficio, avrebbero detto ed avrebbero fatto tutto… indipendentemente dalle conseguenze, al fine di fare carriera!”.

Ewing scrisse nei suoi appunti: “L’FBI rifiutò di cooperare. [Miguel Rodriguez] sulla morte di [Vince Foster]. “Rodriguez disse a Irvine che gli agenti dell’FBI che fecero l’indagine di Fiske lavoravano nell’ufficio di Starr ed avevno occultato rilevanti prove fotografiche, nonchè si sono resi colpevoli di intimidazioni di testimoni e minacce.

Il 10 marzo 1995, quattro giorni dopo le dimissioni di Rodriguez, un agente dell’FBI inviò un memorandum a Kavanaugh che ne inviò una copia a Tuohey. Il memo presentava una cronologia: (16: 15-16: 30) Patrick Knowlton descrive una piccola macchina di una marca straniera di colore marrone con targhe dell’ Arkansas nel parcheggio Marcy. Inoltra Knowlton ha anche descritto una giacca e una valigetta all’interno di questa macchina.

Il memo ha omesso di menzionare che Knowlton era fermamente convinto che l’auto che vide non era la Honda grigia di Foster del 1989. La targa Arkansas vista da Knowlton era usata per far sembrare che avesse visto la macchina di Foster. Sebbene abbia dichiarato che Knowlton ha visto un’auto marrone, ha omesso di dire il fatto che Knowlton era sicuro che la macchina fosse un modello degli anni ’80 e non del 1989.

La cronologia continuò: Judy Doody identifica il veicolo di Foster parcheggiato nel parcheggio di Marcy. “Questa falsa affermazione venne usata per far sembrare che la macchina di Foster fosse nel parcheggio quando invece in realtà era già morto.

hillary-clinton-vince-foster-new-york-post

In un’intervista dell’FBI, Doodyha osservato che l’unico veicolo nell’area di parcheggio era una Honda relativamente vecchia (a metà degli anni ’80), forse un Honda Accord, di colore marrone chiaro o scuro“. Il suo compagno Mark Feist ha detto all’FBI che “ha osservato un veicolo, possibilmente una station wagon o modello “hatchback”, di colore brunastro”. “Non descrivevano la Honda grigia di Foster del 1989. Il 22 ottobre 1995, il London Sunday Telegraph riferì che l’FBI aveva erroneamente riferito ciò che Knowlton disse loro di aver visto a Fort Marcy Park.

“L’hanno esaminato circa 20 volte, dicendomi che questa era l’auto di Foster“, ha detto Knowlton. “Ma ero piuttosto irremovibile a riguardo. Ho visto quello che ho visto e non avrei cambiato la mia versione dei fatti per nulla al mondo… “

L’articolo riportò anche che Knowlton e altri due testimoni [Judy Doody e Mark Feist] non erano stati citati per testimoniare davanti al gran giurì di Whitewater.

Quattro giorni dopo la pubblicazione dell’articolo di Telegraph, giovedì mattina, 26 ottobre 1995, a Knowlton è stato consegnato un mandato di comparizione davanti al gran giurì federale di Washington DC il mercoledì successivo, 1 novembre 1995. L’agente speciale dell’FBI Russell Bransford, assegnato all’ ufficio per i consulenti legali di Starr, personalmente ha presentato il mandato di comparizione nella casa di Knowlton.

Il nome di John D. Bates, vice-consulente indipendente, era indicato proprio nel frontespizio dell’atto di citazione. Il nome di Brett M. Kavanaugh ed Associate Counsel, invece, era sul retro. I tentativi di intimidazione per il testimone Patrick Knowlton sono stranamente iniziati proprio quella sera. Coincidenza?

Per diversi giorni prima della sua apparizione al cospetto del gand jury, Knowlton fù intimidito per strada e presso la sua abitazione da dozzine di uomini, compreso l’agente dell’FBI Bransford. Kavanaugh ha interrogato Knowlton prima del grand jury e ha avuto scarso interesse per ciò che ha visto a Fort Marcy Park. Le domande di Kavanaugh sembravano ideate e formulate per far sembrare che Knowlton fosse omosessuale, facendolo apparire come qualcuno che cercava pubblicità.

Verso la fine delle domande Kavanaugh ha detto: “Parlaci delle presunte molestie”. Knowlton ha risposto che “non sono presunte, sono fatti realmente accaduti”, chiedendo contestualmente all’agente di specificargli chi  aveva mandato l’agente Bransford a casa sua. Tuttavia dopo la seconda volta che Knowlton ha posto la domanda, Kavanaugh rispose che erano l’ non per rispondere alle domande di Knowlton. Nel momento in cui Knoowlton ha posto per la terza volta la stessa domanda, un uomo che era seduto dietro Kavanaugh rispose che Bransford era stato mandato proprio da loro.

Knowlton durante l’interrogatorio ha dettagliatamente rappresentato le minacce ricevute da Bransford, e specificamente quelle ricevute tra il giovedì ed il venerdi precedente. Knowlton era molto arrabbiato che Kavanaugh e Bates non fossero interessati.

Alla fine della sua testimonianza, Kavanaugh rivolse a Knowlton una serie di domande su un uomo che aveva visto in una berlina grigio-blu al parco, compresa una questione di natura sessuale sessuale. L’ufficio di Starr ha negato che Kavanaugh abbia fatto domande sui “genitali”, ma Knowlton ha ripetutamente affermato che una delle domande che Kavanaugh ha chiesto riguardo all’uomo sospettoso che ha visto in un’auto al parcheggio di Fort Marcy è stato: “Ti ha toccato? genitali?”.

Nel 1997, Kavanaugh concluse la sua indagine sulla morte di Foster e il rapporto dell’ufficio per i consulenti indipendenti fu pubblicato il 10 ottobre. Il rapporto affermava: “Secondo i resoconti delle loro interviste sulla scena del 20 luglio 1993, [Doody] e [Feist ] non ha visto nessuno o ha toccato la macchina del signor Foster“.

Questa affermazione è vera solo perché la macchina del signor Foster non c’era, e lo scopo per la quale venne resa era al fine era per rappresentare in maniera distorta i fatti, facendo sembrare il contrario, ovvero che l’autovettura fosse parcheggiata al parco e che nessuno l’avesse toccata.

Reed Irvine studiò attentamente il rapporto e parlò con Kavanaugh nella primavera del 1998, ha studiato i documenti ufficiali del governo sulla morte di Foster e ha cercato di convincere i giornalisti e i dirigenti dei media a riferire i fatti.

Ha prestato il suo sostegno al Grand Jury, in qualità di testimone di Knowlton, che a sua volta è stato un testimone chiave a Fort Marcy Park perché non ha visto la macchina di Foster.

La Corte d’Appello degli Stati Uniti ha ordinato a Starr, oltre alla sua obiezione, di includere le prove del cover-up come appendice nel suo Rapporto sulla morte di Foster. Le prove del cover-up presentate dall’avvocato di Knowlton – John Clarke sono sono state inserite nelle ultime 20 pagine del rapporto di Starr.

Irvine disse a Kavanaugh che era riuscito a far ammettere le prove fino a quel giorno ignorate, ed altro ancora. L’appendice include copie di 25 documenti investigativi federali che provano che:

  • la macchina di Foster non era al parco
  • c’era un foro di proiettile nel collo di Foster
  • le foto della ferita al collo sono sparite dal rapporto
  • i raggi X della ferita al collo sono spariti
  • la pistola non apparteneva a Foster,
  • Knowlton ha subìto intimidazioni perchè testimone del grand jury.

L’appendice del rapporto è tutt’oggi mantenuta riservata dalla stampa americana. Comprende anche le testimonianze e le foto di scene di intimidazione di alcuni testimoni oltre a foto della scena del crimine.

Dopo aver lasciato l’ufficio del consulente indipendente, Kavanaugh è stato consigliere associato presso la Casa Bianca, successivamente assistente del presidente degli Stati Uniti e segretario del personale sotto George W. Bush.

Kavanaugh è stato successivamente nominato alla corte d’appello dal presidente Bush. L’ex vice consigliere indipendente Tuohey ha sostenuto e riferito in forma scritte che “Brett Kavanaugh è eccezionalmente qualificato per servire in uno dei più importanti tribunali d’appello della nazione …

Nel 1994 alla sua conferma al senato, il senatore Orrin Hatch presentò Kavanaugh al Comitato giudiziario con grande lode. Descrivendo le molte realizzazioni di Kavanaugh, Hatch disse:

“Mr. Kavanaugh ha prestato servizio presso l’Office of Independent Counsel sotto il giudice Starr, dove ha condotto le indagini dell’ufficio sulla morte dell’ex vice consigliere della Casa Bianca Vincent W. Foster, Jr.

“Di conseguenza, voglio Sia chiaro su un punto, non c’è assolutamente alcuna prova credibile per contraddire la conclusione del rapporto di Fiske che Vincent Foster si è tolto la vita, ed che sia successo a Fort Marcy Park. Non ci sono prove credibili del contrario.

Sospetto che i teorici della cospirazione saranno sempre divisi su  queste conclusioni”.

Il nome di Kavanaugh viene spesso citato come possibile nomina alla giustizia della Corte Suprema mentre continua “a scalare la vetta”.

La signora Clinton sta contemporaneamente tentando di scalare una scala diversa, ma continua a non mostrare interesse per l’insabbiamento della verità sulla morte del suo caro amico.

Source here.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...